Stories
Slash Boxes
Comments
NOTE: use Perl; is on undef hiatus. You can read content, but you can't post it. More info will be forthcoming forthcomingly.

All the Perl that's Practical to Extract and Report

use Perl Log In

Log In

[ Create a new account ]

bronto (1193)

bronto
  (email not shown publicly)
http://use.perl.org/~bronto
AOL IM: brontolinux (Add Buddy, Send Message)

Perl "programmer" since ~1995. System Administrator

Journal of bronto (1193)

Saturday April 09, 2005
04:59 PM

I've seen *the* Life in my hands

[ #24098 ]

Preface

On March 16th, my first son Andrea was born.

They were really bad days for our LUG (named GULCh), where an huge an hungry flame was burning in the mailing list, taking some of our associates away -some of them where really valid people and will be missed.

But Andrea was there.

There were people that were behaving bad.

But Andrea was there.

So, the same night that Andrea was born, I wrote an email that I never sent to the list, and that you can read it here.

It's in Italian, sorry about that. I'll try to translate it in English, sooner or later, unless someone else wants to do that for me and post a translation as a comment.


Sono stato molto occupato oggi, al punto che internet non sapevo neanche cosa fosse. Un amico mi ha fatto sapere che oggi qualcuno su questa lista si e` divertito a buttare fango sul GULCh e sui soci del GULCh "studentelli che non conoscono il mondo del lavoro"

Ma sapete una cosa?

Dove sono io oggi queste cose non arrivano neanche.
Dove sono io oggi tutte le bassezze e le meschinita` che possono essere state dette sono cosi` piccole e lontane che non le vedo neanche.
Dove sono io oggi tutte le cattiverie gratuite che qualcuno puo` aver detto su quanto ho fatto nel GULCh e per il GULCh non arrivano neanche a sfiorarmi.

Io oggi ho visto la vita. E la vita e` una cosa cosi` grande che nessuno che non l'abbia vista puo` riuscire a immaginare.
E` una cosa cosi` grande che, in confronto, lo sfogo della vostra cattiveria ha oggi per me le dimensioni che gli sono proprie: niente.

Io oggi ho visto la vita. Una cosa cosi` grande e allo stesso tempo cosi` umile da lasciarsi prendere in braccio.

Io oggi ho visto la vita. Una cosa cosi` grande che ha voluto avere bisogno di me per affermare, oggi, che da questo momento esiste per se stessa; che ha origine da me, ma che non e` per me perche' e` altro da me.

Io oggi ho visto la vita. E non riesco a vedere nient'altro.

Domani, forse, riuscirete di nuovo a farmi del male.

Ma oggi ho visto la vita. E voi, le vostre cattiverie, i vostri complessi, le vostre chiacchiere inutili, la vostra miseria, non esistono.

Potete urlare quanto vi pare, ma oggi non mi avete.

Continuate a seminare morte. Continuate a cercare di distruggere. Io, ancora finche' posso, rimango a guardare questo mistero; questa cosa che ha saputo sopravvivere alla cattiveria dell'uomo dall'inizio dell'esistenza.

Ho visto la vita. Una cosa che sopravvivera` anche a voi.

Vita...

--bronto

The Fine Print: The following comments are owned by whoever posted them. We are not responsible for them in any way.
 Full
 Abbreviated
 Hidden
More | Login | Reply
Loading... please wait.